30MILES new album “Short Tales For Braves” OUT on september 27th.

30 Ago

We are (finally) proud to announce the release of 30MILES new album “Short Tales For Braves” which it will be out on september 27th (digital / CD) via Ghost Factory Records & Arts (E.U.), Disconnect Disconnect Records (U.K.), Far Channel Records (Japan) and 20 Chords Records (South America).

Cover-artwork-STFB-30M-WEB

These dudes have big plans in their pockets so make sure to check their touring schedule because they will might have a lap of the globe, but let’s put out some release date:

“The Beasts” (the very hardcore track of the record) will be the first single, appearing in “Fast Around The World 2”, a marvelous compilation that will be available via Disconnect Disconnect Records out on august 31st.

The first music video – almost a short film with its 6 minutes – will be featuring “The Forest”, first track of the record, directed by Chiara Borredon and out hopefully on september 12th.

 

Via 30MILES:

“Hi everyone out there reading! We are so glad to make this statement.

We have faced line-up changes, production and post-production issues, health problems, breakups and a lot of negative stuff came through, but a the end the p.m.a. took its pace.
We are not just going to release 32 minutes of music, we are releasing life pressure, emotions, poisoning thoughts, upcoming choices that we all have to handle daily. 

It’s a 7 tracks record, which means that every song is quite long and we wanted to give the sensation of having a rock trip carried by lyrics. In the end we’re just talking about we felt like living the past few years. It’s a tricky life, isn’t it? That’s why it’s named Short Tales For Braves. 

Much love and respect.

Sam,
Tommi,
Mik,
Giova.”

 

So, make sure the 27th of september to get a copy of “Short Tales For Braves” as this edition is very limited and don’t forget to check their shows, tours start on october. ANNOUNCEMENT COMING SOON!

Many thanks to: Will Burdin, Morito Nakanishi, John Allen, El Rules and Alex Gavazzi for making it happen.

Cheers everybody!

Annunci

BIKINI DEATH RACE debut album ‘Party Animals’ OUT NOW!

23 Apr

IMG_4114

We are so so so proud to tell everybody that ‘Party Animals’, Bikini Death Race‘s debut album is NOW OUT!

Digital:  SpotifyAmazonApple MusicGoogle PlayBandcamp

Physical [CD / Tape]: Ghost Factory Shop

Review OriginalRock.net 8/10

Shows

25 May – Rome – TBA
9 June – L’Aquila – TBA
10 June – Rome – TBA
28 June – The Queen Adelaide – London, UK
29 June – The Bell – Bicester, UK
30 June – Hot Banana Music Holmfirth, UK

Info & Booking: ghostfactoryrecords@gmail.com 

PREMIERE: Bikini Death Race Release New Music Video For ‘The Rabbit Hole’

16 Apr

Keeping up with our premiere week, we are teaming up with the furry loving party rockers Bikini Death Race for the release of their new music video for infectious new single “The Rabbit Hole.”

The guy with the panda mask had always dreamed of having a female fronted electroclash band, but the dream was put on hold for some years because he was busy with other projects. He also thought best to nail how to programme electronic music before launching an electroclash career. Once all was in place, the guy with the panda mask had a chance encounter with the girl with the cat mask (when she walked in on him in a public toilet with a faulty lock). In Rome for the first time and fresh from the Yorkshire countryside, the girl could do nothing but give credit to the creative rantings of the first Italian panda she had ever met. And so it was that in September 2016, the two masked musicians started to write songs for an album that could only be entitled ‘Party Animals’.

‘Party Animals’ is like a big bubble of soap, created by the band for them to hide in and protect themselves from those moments when life gets to be too much. Choosing idiocy as psychotherapy and Dadaism as their philosophy on life, the songs on the album symbolize an exorcism for Bikini Death Race: a driving out of senselessness through senselessness!

Bikini Death Race are inspired by The Ramones, Le Tigre, Kap Bambino, Crystal Castles, Tuxedo Moon, Ladytron, Depeche Mode, Cock Sparrer and…. Ace of Base!

Youtube

Facebook

Video Premiere: Bikini Death Race “Celestico” OUT NOW! (Get the pre-order)

5 Mar
21167512_1577450575663769_8236680910275652392_o

Bikini Death Race, who are the guy with the panda mask [bass, electronics, vocals] and the girl with the cat mask [vocals], are gearing up to release their debut full-length album Party Animals – due on March 12th (tape pre-orders available in here).

Today we have the pleasure to unveil to the world the video for the single of the forthcoming album. “Celestico” is a story of a “just normal day at the park“, which ends up being anything but. The music is as freaky as the video. Just your normal electroclash anthem, you know…

 

About Bikini Death Race the story goes something like this…

“The guy with the panda mask had always dreamed of having a female fronted electroclash band, but the dream was put on hold for some years because he was busy with other projects. He also thought best to nail how to programme electronic music before launching an electroclash career. Once all was in place, the guy with the panda mask had a chance encounter with the girl with the cat mask (when she walked in on him in a public toilet with a faulty lock). In Rome for the first time and fresh from the Yorkshire countryside, the girl could do nothing but give credit to the creative rantings of the first Italian panda she had ever met. And so it was that in September 2016, the two masked musicians started to write songs for an album that could only be entitled Party Animals.”

unnamed

BIKINI DEATH RACE debut album “Party Animals” OUT on april 23rd via Ghost Factory Records – Welcome!

26 Feb

Ghost Factory Records & Arts is proudly announcing the signing of Bikini Death Race, Electro-clash/ post-punk masked duo from Rome/U.K. Their debut album “Party Animals” will be released on april 23th on digital/tape. Video premiere and pre-orders available from march 5th via Rockerilla (IT) and Music&Riots Magazine (U.K.)

IMG_4114

Click on Cat & Panda for a video preview

Tape pre-orders will be available from march 5th on our shop. Worldwide shipping.

DON’T MISS IT

The guy with the panda mask had always dreamed of having a female fronted electroclash band but all his friends told him his dream was out of fashion! The guy met the girl with the cat mask collaborating on a song for a mutual friend and asked her if she was into electroclash. Intrigued, she started to come up with words that could fit the panda guy’s tunes and Bikini Death Race was born!

 

 

 

 

 

Sittingthesummerout | “Brick And Mortar” OUT the 1st of December. First single OUT NOW!

2 Ott

cancella

Via Sittingthesummerout

“It’s taken us a while, but it’s finally here.
We’re extremely happy to share what we’ve been working on for the past year.
“Brick and Mortar”, our sophomore EP, comes out on December 1st via Ghost Factory Records & Arts.

You can listen to “Nothing Changes In Baltimore”, the first single off the release, by clicking on the YouTube link below.

Physical and digital pre-orders are available at http://sittingthesummerout.bandcamp.com, and come with an instant download of the song.”

FFO: Citizen, Hotel Books, Brand New, Movements

 

Available on Spotify, Itunes, Google, Microsoft and all the major platforms the 3rd of October.

 

Intervista a Il Proposito con Stefano Negrini su “Iphutha”, terzo album.

5 Apr

Un saluto a tutti gli appassionati di musica indipendente, sconosciuta e inedita che sono inciampati (oppure no) sul blog Ghost Factory. Oggi vi presentiamo Stefano Negrini: voce, testi, chitarra de “Il Proposito“, gruppo alt. rock nato dalle ceneri degli “About Emily” e arrivati al traguardo del terzo album con “Iphutha”, uscito lo scorso 8 Marzo per Bad Karate Dischi in collaborazione con Ghost Factory Records. Ordinabile quì in versione CD o in digitale sulle maggiori piattaforme. Eccovi quindi qualche delucidazione sulle idee che sono andate a comporre “Iphutha”, un piccolo approfondimento sull’approccio del quartetto emiliano e ovviamente musica .

SALA

Ciao Negro mi hanno detto che c’è sta roba dalle tue parti che si chiama “Iphutha”? Che è? Stona?

Ciao Fruitjoy, si se ne trova, e un mix di cose buttate dentro un secchio che poi è stato sigillato e successivamente lanciato giu da una collina, poi una volta arrivato a valle abbiamo aperto il contenitore ed è uscito IPHUTHA, più o meno è andata così.

Come tanti acquisto solo prodotti naturali, sicuri e soprattutto fatti in casa. Spiegaci un po’ come produci le tue delizie.

“Le cose fatte meglio sono quelle fatte meglio, cit.”
Non so se IPHUTHA è fatto meglio o semplicemente è, fatto sta che abbiamo deciso una strada ben precisa per la lavorazione del nostro estro, abbiamo fatto tutto in maniera molto adolescenziale, un pò come quando ti accorgi di aver pensato una cosa che in realtà aimè o per fortuna era stata fatta prima di averla immaginata.Abbiamo smesso di pensare e abbiamo fatto.

Il Proposito è ormai al terzo lavoro, avete spacciato dischi in tutta Italia: riuscite ad incassare o ci andate sotto come i soliti tossici musicofili?

Ahahaha, che cazzo di domanda è? ovvio che ci andiamo sotto, ma alla fine è un gioco ed è pieno zeppo di senso, i dischi fanno fatica a venderli i grandi della musica, figurati una band di coglioni come noi?! la verità è che la cosa che ha importanza è una sola : arrivare a qualcuno, vedere che in quel momente siete insieme dentro la stessa bolla e quindi sentirsi meno soli, strano? si, stupendo ancor di più, ma tu suoni e sai perfettamentecosa intendo. Stiamo facendo su e giu dall’italia da 4 anni con il Proposito e il fatto che la musica non sia il nostro lavoro non credo sia del tutto una sfiga. La musica deve essere oltre a te e a quello che ti circonda nella giornata quotidiana, un lavoro è quotidianità e poi routine….tanta gente è tosta e riesce a gestire tutto ciò, io forse manderei tutto a puttane e mi romperei le palle… o forse no … non so. Comunque ci rimettiamo sempre di denaro ma tornando arricchiti, cit.

Bad Karate, la nuova drogheria musicale made in Emilia: È noto che produrre/vendere spezie è quasi un guaio ai giorni nostri visti i supermercati. qual è il vostro scopo?

Ma in reltà lo scopo della BAD KARATE family credo sia quello di non dimenticare mai da dove siamo venuti trasmettendolo a chi incontriamo, il percorso un pò si autogestisce ed in parte va a caso…ma il principio non va mai dimenticato.

Quali sono stati gli ingredienti de Il Proposito per produrre un’iphutha da sballo?

Beh, una dinamica frenetica urgente e stacanovista da parte mia, presto che è tardi. Poi gli altri tre propositi sono pazienti e comprensivi, gli cago abbastanza il cazzo sai, ma surfiamo tutti la stessa onda e anche se a volte ci si capisce meno poi si torna sempre al fianco uno con l’altro, credo che l’ingrediente essenziale sia proprio questo. Creare naufragando nell’istinto primordiale che solo a 5 anni puoi avere.

Racconta il miglior ed il peggior aneddoto del gruppo.

Il peggiore è sicuramente che un anno fa durante il BAd Karate fest arrivammo e si fece un live di 5 minuti….per problemi di tempi, le band prima avevano sforato esageratatamente con gli orari e quindi ci siamo attaccati al cazzo e il gestore del locale ci disse di smettere. sai com’è ….è un cazzo in culo ma può anche capitare.

Il migliore sicuramente e quando tornando da una data a venezia Zebra Man si mise a pisciare dal furgone e la forza di gravità ebbe la meglio (troppo complicato da spiegare).

(Portami 10 cd, che devo ricaricare) : Un tempo fare un ordine di questo tipo significava dover ricaricare il cel di almeno 5 euro, oggi con internet con un click sei apposto. Come avete vissuto questo cambio epocale da produttori di cd, nonché padri di famiglia?

A volte potresti anche essere invaso dalla tristezza ma in realtà non è o tutto nero o tutto bianco, cazzo, le cose cambiano e se non cambi tui sei un coglione.

Cosa dicono in famiglia che a 30 anni siete sempre in giro ad istigare i ragazzini all’auto-sabotaggio tra feste, alcol e musica raccomandabile-ma-non-troppo?

Mia moglie mi sostiene tantissimo, forse è la persona che più mi sprona, se fai ciò che ami stai bene, se stai bene fai stare bene chi ti sta attorno (lei mi sta attorno) tutto torna no??

State portando in giro questo Iphutha, per quanto lo farete? Dove andrete? Che piani avete? 1 Fiorino.

“Iphutha” verrà suonato per un anno perchè ad aprile dell’anno prossimo siamo di nuovo in studio a registrare il quarto disco, dove? Direi ovunque ci chiamino. ora come ora, na buona parte di italia proviamo a coprirla, poi per un anno tutto è lecito.

Per finire: quanto costa al pezzo e dove ci becchiamo?

5 euro, e direi che ci vediamo a Ferrara il 10 aprile all’Animal House Studio oppure il 6 maggio a La Tenda (MO), 7 maggio al Bar delle Piscine (Medicina – BO) e il 13 maggio al Kamara Pub (TE). Seguiteci su FB, date in aggiornamento.

LUISTER Mag. – I volti della musica

23 Mar

Qui in casa Ghost Factory ci piace scoprire sempre cose nuove, soprattutto riguardo il mondo della musica e dell’arte: stavolta sono due artisti livornesi a farci felici, e addirittura su entrambi i fronti.

Giacomo Favilla ed Aimone Bonucci (in basso da sinistra a destra) infatti, hanno attirato la nostra attenzione grazie al  loro progetto fotograficoLuister”.

16422767_10154292744060994_3148704399370567898_o.jpg

Il progetto, che riesce ad amalgamare il ritratto di una persona ai suoi ascolti e al suo personale rapporto col mondo della musica, sta avendo una grande rilevanza nel mondo dei social network (sebbene sia attivo da meno di due mesi), soprattutto nel panorama indie italiano ma non solo. Abbiamo intervistato le due menti dietro tutto ciò.

Chi siete? Cosa volete? Da quanto tempo collaborate? 

Siamo Aimone Bonucci e Giacomo Favilla, entrambi fotografi e rispettivamente un art director e un video maker. Collaboriamo dal diversi anni, il nostro primo lavoro è stata una campagna pubblicitaria per un lancio di un brand italiano di moda, successivamente abbiamo avuto altre occasioni di incontro lavorativo ma solo nel 2016 siamo riusciti a lanciare un nostro progetto personale, Turistica. Luister è il secondo.

15542387_144808352688231_3451001008778017006_n.pngParlateci un po’ di Luister.

Luister è nato per strada, durante una sessione di scatti per Turistica, il nostro primo progetto di street photography, dove andiamo a fotografare i turisti che vengono a visitare l’Italia. Parlando con loro, abbiamo notato che la musica è un argomento che salta fuori per rompere il ghiaccio tra noi e loro, i protagonisti delle nostre fotografie. È da questo che ci è venuto lo spunto di creare un progetto interamente dedicato alle persone e al loro rapporto con il mondo della musica: ritratti, sì, ma con lo scopo di sapere qual è la colonna sonora della giornata che stanno vivendo e se un album, un gruppo, un concerto ha lasciato una qualche traccia nel loro cuore e nella loro memoria. Adoriamo anche gli aneddoti legati alla musica.

Diego Caldari (Inconsapevole Records/7Years) per Luister.

Che poi che significa, Luister?

Luister significa ascoltare, in lingua afrikaans, che è un dialetto olandese parlato in Sud Africa.

Il progetto è concentrato solo sul panorama indie? Avete intenzione di spaziare anche su altri generi?

Il progetto è incentrato sullo scovare persone interessanti da ritrarre tra chi ascolta e chi fa la musica, senza distinzione, il genere musicale non ci condiziona. È sempre la persona che ci colpisce, e chiaramente anche la vicinanza che possiamo avere con essa. Ci piace fotografare in presa diretta, andando noi per strada o in un locale o ad un concerto: è per caso che si fanno le migliori scoperte.

(Andrea Appino (The Zen Circus) per Luister.)

C’è un personaggio (o più personaggi) che vorreste fotografare per sapere cosa ascolta?

16406848_10212254860671695_3969298949417178599_n (1).jpg

Certo. Ci piacerebbe fotografare Gigi D’Agostino.

Comunque, sarebbe bello riuscire a raccogliere ritratti da tutta Italia, per avere un bel panorama musicale completo.

Dentro ognuno di noi c’è un Gigi D’Agostino, in fondo.
Ma voi di Luister, che ascoltate?

Noi ascoltiamo di tutto, perché se non avessimo avuto una fortissima passione musicale, non avremmo buttato giù questo progetto. In questi giorni stiamo ascoltando molte nuove uscite indie italiane, come Baustelle, Ex Otago, Thegiornalisti, Calcutta, Leo Pari, Birthh e Brunori Sas.

Leo Pari (Thegiornalisti) per Luister.

Avete dei riferimenti fotografici o dei personaggi che influenzano il vostro modo di scattare?

Influenze fotografiche, sì! Su tutti, Martin Parr e Bruce Gilden, ma solo per quanto riguarda la nostra sensibilità, non per il tipo di foto che vogliamo fare.

Luister è un progetto estremamente social: puntate a fare mostre fotografiche o simili o rimarrà per sempre visibile soltanto su Facebook e Instagram?

860486_10151857065005994_212335399_o.jpg

Luister è un progetto che può diventare una mostra, certamente, ma principalmente vogliamo che rimanga sui social. Vorremmo che diventasse una sorta di dizionario di volti e ascolti, dove si può scoprire anche qualche artista nuovo, citato appunto da una persona ritratta che ci colpisce.

 

Articolo: Chiara Borredon – Editor: Samuele Matta 

 

 

Il Proposito: l’8 marzo è uscito”Iphutha”- terzo album

17 Mar

Cari amici, affezionati e mezzi tossici di tutto lo stivale: oggi vi presentiamo IL PROPOSITO, band alt. rock emiliana al terzo album uscito lo scorso 8 Marzo 2017 per Bad Karate Dischi e distribuito in in versione CD tramite mail-order dalla stessa Bad Karate e Ghost Factory Records. Disponibile in versione digitale (Smartphone/pc/mac) su Itunes, Google PlayStore e Microsoft Store e in streaming su Spotify.

    SALA.jpg

Ma che vuol dire “Iphutha”(Ifuta)? E’ un’altra trovata qualunquista di quei nuovi gruppi alternative-rock? Ci risponde Stefano Negrini, per gli amici “Il Negro” (Da non confondersi con Cri, il fratello sano.)

“Una giorno qualunque di fine dicembre dell’anno passato chiamai Michele e gli dissi : la settimana prossima microfoniamo la batteria e registriamo un disco nuovo, e così facemmo.
L’idea fin da subito fu : senti sto riff e suonaci sopra.
Siamo partiti a registrare i primi di gennaio 2017, avevamo qualche pezzo buttato giù in bozza e altre idee tutte in fase embrionale, nulla di certo e tanto meno nulla ponderato, ci siamo chiusi in studio senza nemmeno sapere cosa stavamo facendo e soprattutto senza pensare a come lo stavamo facendo.
Registravamo la sera qualcosa, magari c’era già un’idea di chitarre, in altri casi partivo proprio li seduta stante con un riff, Michele lo ascoltava, usciva dalla regia, correva in sala di presa e registravamo.
A volte finivamo un pezzo in una sera con basso e voci altre volte mollavamo tutto a metà.
Abbiamo lasciato che tutto succedesse e basta, come se ci stessimo facendo trasportare da un’onda bassa ma continua.
A mio parere tutti i nostri dischi sono figli di un sentimento “d’urgenza” verso qualcosa ma IPHUTHA si distingue dai precedenti in quanto nasce dall’urgenza dell’urgenza, un pò come quando fai qualcosa ancora prima di averla pensata, questo disco è “un nostro riflesso incondizionato” suonato.
Tutto questo è accaduto in poco più di un mese, forse non volevamo darci il tempo di rendercene conto, non nascondo che ad oggi(saranno passate tre settimane dalla fine dei mix) senza ombra di dubbio rimixerei tutto, sicuramente facendo casini e togliendo l’anima del “momento” alle tracce che abbiamo registrato.
Di fatto credo sia proprio questo che distingue iphutha da altri nostri lavori, plug and play nel vero senso della parola.
Sinceramente dare spiegazioni su cose significhino per me i testi credo abbia poco senso, in quanto sono dell’idea che ogni canzone sia autointerpretabile, se così non fosse le canzoni sarebbero mono direzionali e soprattutto na gran palla.
Detto ciò posso dire cos’è iphutha per me: Iphutha è un inno ai nostri errori, tanto maledetti quanto necessari crescere, essere scontati e perfetti non è umano.
Iphutha ci porta all’esatto opposto della perfezione.”

In attesa dell’intervista completa potete direttamente andare ai loro concerti  e sodomizzarli di domande personali, un saluto a tutti da tutto lo staff GF, buon divertimento.

Prossimi concerti:

18 Marzo – Black Star (Ferrara)

29 Marzo – Arteria (Bologna)

08 Aprile – Kamara Pub (Teramo)

06 Maggio – La Tenda (Modena)

Date in aggiornamento

 

 

 

 

“Lynch”, Le Maschere di Clara. Ultima uscita 2016. Auguri a tutti!

29 Dic

E’ stato un super 2016 per Ghost Factory: tanti concerti, tour, mostre, dischi, opere d’arte e soprattutto nuovi artisti. Concludiamo questa magnifica annata che ha visto editi Pisciosangue, Crosswise Decay, Saat, Le Maschere di Clara e prodotto eventi e opere di Vanessa Davini, Chiara Borredon, Tommaso Marchiani, Federico Santini e Andrea Barucci e collaborato con molti altri. Questo ultimo articolo del 2016 è dedicato all’uscita della versione CD digipack di “Lynch” ultimo lavoro de Le Maschere di Clara, disponibile sull’online shop di Ghost Factory e discogs.

mdc

Il trio veronese nasce dal desiderio di elaborare una sorta di “sfogo” artistico, frutto di studi classici e di una viscerale passione per il rock, cercando di Lorenzo Masotto (voce, basso, piano), Laura Masotto (voce e violino elettrico) e Bruce Turri (batteria), tutti e tre con studi classici alle spalle, suonano nelle più svariate formazioni cameristiche e per molteplici progetti che spaziano dal pop, al rock, al jazz fino alla sperimentazione elettronica.
Due terzi delle Maschere (Lorenzo e Laura) sono fratelli e suonano insieme fin da piccoli, rispettivamente al pianoforte e violino. L’essere in tre permette loro di lavorare armonicamente sul concetto di contrappunto Bachiano utilizzando il basso come tappeto armonico tonale e il violino per quanto riguarda la melodia. La voce si intreccia tra i due strumenti creando una sorta di trio da camera, condito dalla precisione ritmica della batteria.

mdc-3

Nel 2009 le Maschere realizzano un EP “23”  e nel 2010 esce l’album d’esordio “Anamorfosi”, mentre nel settembre 2012 le Maschere Di Clara vincono il contest “Modena 29 Settembre: Via Mei di Faenza” con la miglior cover della storica canzone beat “29 Settembre” interpretata dall’Equipe 84 e scritta da Battisti e Mogol nel 1966. Aprono il concerto in Piazza Grande a Modena e si esibiscono al TEK di Faenza per il MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti.
Dopo mesi e mesi di tour in giro per la penisola e di lavoro duro esce il 2 aprile 2013 in vinile e digitale “L’alveare” e infine nel 2015 autoproducono in “Lynch” in versione digitale, ristampato in CD adesso per Ghost Factory Records & Arts / Toten Schwan Records / Riff Records. (Qui sotto l’anteprima video)

Il 2017 sarà un anno di sperimentazione, allargheremo il catalogo sia dei dischi, che delle arti, ci immergeremo in altri format di eventi e cerceremo di portare in giro le varie arti e artisti prodotti da Ghost Factory Records & Arts.

Un grazie di cuore a chiunque abbia acquistato dischi, opere e biglietti. Ci vediamo nel 2017!